Le lamentele danneggiano i neuroni

Le lamentele danneggiano i neuroni. Lo stress cronico possono portare ai sintomi di burnout,collegati a una maggiore frequenza di fallimenti

110

Le lamentele danneggiano i neuroni. Quando ascoltiamo le lamentele di qualcuno, partecipiamo a discorsi che non ci interessano, i nostrineuroni subiscono un danno depressivo.

È stato scientificamente provato, che le onde magnetiche caratteristiche delle lamentele e delle chiacchiere, spengono letteralmente i neuroni dell’ippocampo, preposti tra l’altro alla risoluzione dei problemi. Rimanere esposti per più di trenta minuti a la lagnanze, negatività e chiacchiere superflue provoca danni effettivi a livello cerebrale




“Il cervello funziona più come un muscolo di quanto pensassimo”, dice Trevor Blake, un imprenditore che ha scritto Tre semplici passi: una mappa per il successo in Affari e vita. “Quindi se sei bloccato in un angolo per troppo tempo ad ascoltare qualcuno che è negativo, è più probabile che ti comporti in quel modo.”

Qualunque cosa tu faccia “cambia il tuo cervello”
Qualunque cosa tu faccio “CAMBIA IL TUO CERVELLO”. In questo studio sull’FMRI l’attivazione cerebrale a parole negative e positive e parole neutre è stata studiato come interferiscano allo status psico fisico. I soggetti dovevano o prestare attenzione al significato emotivo o alle caratteristiche non emotive delle parole.
Indipendentemente dal compito, le parole positive e negative portavano ad attivare la corteccia prefrontale mediale ventrale, mentre le parole negative rispetto a quelle positive un’attivazione dell’insula.




Rispetto a parole neutre, tutte le parole emotive sono state associate ad una maggiore attivazione dell’amigdala. La condizione diretta, rispetto alla condizione indiretta, ha portato ad una maggiore attivazione delle parole emotive vs neutre nella corteccia prefrontale dorsomediale e nella corteccia cingolata anteriore.
Questi risultati suggeriscono modelli di attivazione del cervello dipendenti dalla valenza e dall’erotazione che sono parzialmente modulati dalla modalità di elaborazione degli stimoli emotivi dei partecipanti.



















Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette

Quando lo stress è grave o cronico, ad esempio causato dalla rottura di un matrimonio o di una società, dalla morte della famiglia o dal bullismo, deve essere affrontato immediatamente.

Lo stress ripetuto può avere un impatto enorme sul nostro cervello, mettendoci a rischio di una serie di problemi fisici e psicologici, un fattore scatenante per un’infiammazione persistente nel corpo.



















Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette

L’infiammazione cronica può portare a una serie di problemi di salute, tra cui diabete e malattie cardiache. Il cervello è normalmente protetto dalle molecole circolanti da una barriera emato-encefalica.

Ma sotto stress ripetuti, questa barriera diventa fuoriuscita e le proteine ​​infiammatorie circolanti possono entrare nel cervello. L’ippocampo del cervello è una regione cerebrale critica per l’apprendimento e la memoria ed è particolarmente vulnerabile a tali insulti. Studi condotti




Le lamentele danneggiano i neuroni

Le lamentele danneggiano i neuroni sull’uomo hanno dimostrato che l’infiammazione può influire negativamente sui sistemi cerebrali legati alla motivazione e all’agilità mentale.

Esistono anche prove di effetti di stress cronici sugli ormoni nel cervello, tra cui il cortisolo e il fattore di rilascio di corticotropina (CRF).

Livelli elevati e prolungati di cortisolo sono stati associati a disturbi dell’umore e al restringimento dell’ippocampo. Può anche causare molti problemi fisici, inclusi cicli mestruali irregolari.




Lo stress può costringere il cervello a passare a un “sistema di abitudini”. Sotto stress, le aree cerebrali mostrano una maggiore attivazione. In situazioni stressanti, la corteccia prefrontale ventromediale, che svolge un ruolo nella cognizione emotiva – come la valutazione delle affiliazioni sociali e l’apprendimento della paura – può aumentare le paure irrazionali.

Alla fine, queste paure prevalgono essenzialmente sulla normale capacità del cervello di prendere decisioni fredde e razionali.

Per superare lo stress l’esercizio ha dimostrato benefici affrontando l’infiammazione e aumentando la neurogenesi – la produzione di nuove cellule cerebrali – in aree importanti, come l’ippocampo. Migliora anche il tuo umore, la tua cognizione e la tua salute fisica.

Un altro modo chiave per combattere lo stress consiste nel connettersi con le persone intorno a te, come la famiglia, gli amici e i vicini. Quando sei sotto stress, rilassarti e interagire con amici e familiari ti distrarrà e ti aiuterà a ridurre i sentimenti di stress. L’apprendimento può essere un metodo meno ovvio.




L’istruzione porta a una riserva cognitiva – una scorta di capacità di pensiero – che fornisce una certa protezione quando abbiamo eventi di vita negativi. In effetti, sappiamo che le persone hanno meno probabilità di soffrire di depressione e problemi cognitivi se hanno una migliore riserva cognitiva. Altri metodi includono la consapevolezza, che ci consente di prendere nota ed essere curiosi del mondo che ci circonda e trascorrere del tempo nel momento.

Il volontariato o la donazione a un’organizzazione benefica attiva il sistema di ricompensa nel tuo cervello e promuove sentimenti positivi sulla vita. È importante sottolineare che, quando si verifica lo stress cronico, non aspettare e lasciare che le cose abbiano la meglio su di te. La diagnosi precoce e il trattamento precoce efficace sono la chiave per un buon risultato e un buon benessere.




Ricorda di agire in modo olistico per migliorare il tuo umore, il tuo pensiero e la tua salute fisica. Non devi aspettare di essere sopraffatto dallo stress.
In definitiva, è importante imparare fin da piccoli per mantenere il cervello in forma per tutto il corso della nostra vita. È noto che lo stress cronico può portare alla depressione, che è una delle principali cause di disabilità in tutto il mondo.




È anche una condizione ricorrente: le persone che hanno sperimentato la depressione sono a rischio di futuri attacchi di depressione, in particolare sotto stress.

Ci sono molte ragioni per questo e possono essere collegate ai cambiamenti nel cervello. L’ippocampo ridotto che può causare un’esposizione persistente agli ormoni dello stress e un’infiammazione in corso è più frequente nei pazienti depressi che nelle persone sane.




Le Frequenze possono essere Curative

Le lamentele danneggiano i neuroni
Le lamentele danneggiano i neuroni

Lo stress cronico alla fine cambia anche le sostanze chimiche nel cervello che modulano la cognizione e l’umore, compresa la serotonina. La serotonina è importante per la regolazione dell’umore e il benessere. In effetti, gli inibitori selettivi del reuptake della serotonina (SSRI) vengono utilizzati per ripristinare l’attività funzionale della serotonina nel cervello nelle persone con depressione.

 

L’interruzione del ritmo circadiano e del sonno è una caratteristica comune in molti disturbi psichiatrici, tra cui depressione e ansia.

Gli ormoni dello stress, come il cortisolo, svolgono un ruolo modulatore chiave nel sonno. Livelli elevati di cortisolo possono quindi interferire con il nostro sonno. Il ripristino dei modelli di sonno e dei ritmi circadiani può quindi fornire un approccio terapeutico per queste condizioni. La depressione può avere conseguenze enormi.




Il nostro lavoro ha dimostrato che la depressione compromette la cognizione in entrambi i settori non emotivi, come la pianificazione e la risoluzione dei problemi, e le aree emotive e sociali, come la creazione di una distorsione dell’attenzione alle informazioni negative.

Oltre alla depressione e all’ansia, lo stress cronico e il suo impatto sul lavoro possono portare a sintomi di burnout, che sono anche collegati a una maggiore frequenza di fallimenti cognitivi nella vita quotidiana.




Poiché le persone sono tenute ad aumentare il carico di lavoro sul lavoro o a scuola, ciò può portare a una riduzione dei sentimenti di successo e ad una maggiore suscettibilità all’ansia, creando un circolo vizioso. Lo stress può anche interferire con il nostro equilibrio tra pensiero razionale ed emozioni.

Ad esempio, le notizie stressanti sulla diffusione globale del romanzo Coronavirus hanno fatto sì che le persone accumulassero disinfettanti per le mani, tessuti e carta igienica. I negozi si stanno svuotando di questi rifornimenti, nonostante la rassicurazione da parte del governo che ci siano molte scorte disponibili.

 

Le lamentele danneggiano i neuroni

Il generatore di onde Schumann per il benessere psicofisico

-Thomas Straube, Andreas Sauer, Wolfgang HR Miltner, Attivazione del cervello durante l’elaborazione diretta e indiretta di parole positive e negative , Dipartimento di Psicologia Biologica e Clinica, Università Friedrich Schiller, Germania



















Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette