La vita degli antichi adolescenti

La vita degli antichi adolescenti non erano così diverse da quelle della nostra epoca. A volte però venivano sacrificati ai loro dei

85

La vita degli antichi adolescenti non erano così diverse da quelle della nostra epoca. Ci sono delle differenze però. A volte sono stati sacrificati ai loro dei e avevano buone possibilità di non arrivare mai all’adolescenza.

L’ISTRUZIONE ERA UN PRIVILEGIO
Nel mondo antico, bambini e adolescenti si istruivano, forse a un livello ancora più elevato rispetto ai loro coetanei medievali successivi.

I bambini egiziani dovevano provenire da famiglie benestanti per ricevere un’istruzione formale. Nell’antica Grecia, l’ istruzione potrebbe essere stata più universale nei primi anni, ma solo i ricchi adolescenti ricevevano un’istruzione secondaria. Schiavi e poveri erano esclusi dall’istruzione.







IL FITNESS ERA UNA COSA SERIA
Una parte importante dell’educazione era la fisicità. La ginnastica fu introdotta nella società greca attraverso una serie di esercizi. Praticavano corsa, salto, nuoto, lancio, lotta e sollevamento pesi. Il motivo era che la ginnastica preparava alla guerra.

Successivamente, i romani emularono l’idea di utilizzare l’allenamento fitness per prepararsi alla guerra. Con la crescita dell’Impero, l’educazione fisica divenne sempre più cruciale l’educazione romana.

GLI ANTICHI ADOLESCENTI SI DIVERTIVANO A FARE DANNI
Un ritrovamento archeologico del 2015 di una piastrella presso il forte romano di Vindolanda.
La piastrella è segnata da una chiara impronta di un piede all’ingresso di una fortezza. Una rapida analisi della lastra e dell’impronta ha mostrato essere di un adolescente tra il 160 e il 180 d.C.
ERANO PIUTTOSTO LOSCHI ed OSCENI
Un documento greco risalente all’anno 267 d.C. fornisce prove di partite truccate in un torneo di lotta avuto luogo in Egitto. Il padre di un lottatore adolescente di nome Nicantinoo – accettò di pagare la tangente all’avversario di suo figlio, Demetrio.



Se Demetrio dovesse “cadere tre volte e cedere”, riceverebbe “tremilaottocento dracme” di monete d’argento.” Aristofane scrisse che una dracma equivaleva all’incirca alla paga giornaliera di un operaio specializzato. Non era una tangente da poco. La competizione, conosciuta come la Grande Antinoeia, era una competizione importante.

I leggendari graffiti di Pompei sono una prova famosa che agli umani è sempre piaciuto scarabocchiare i muri.

Un’analisi del 2006 suggerisce che parte dell’arte nella grotta è stata scarabocchiata da ragazzi adolescenti.

I RITUALI DEL RAGGIUNGIMENTO DELLA MAGGIORE ETÀ ERANO UN PROBLEMA
Le cerimonie di maturità sono esistite in quasi tutte le culture da migliaia di anni. Si svolgevano durante l’adolescenza. Spesso comportavano rituali per introdurre l’adolescente nell’età adulta. Alcuni sono persino sopravvissuti fino ai giorni nostri.




Spotted-Eagle spiega che una ragazza veniva isolata al suo primo ciclo mestruale. Sarebbe stata iniziata in una cerimonia di quattro giorni. Le altre donne le insegnavano a cucinare, a prendersi cura delle famiglie. La cerimonia cadde fuori pratica. Riprese negli anni ’90 dalla Brave-Heart-Women’s-Society. La cultura dei nativi americani, è piena fino all’orlo di rituali e cerimonie simili, differenti per tribù.




COSTRETTI A SPOSARSI
I matrimoni combinati non sono esattamente inauditi in alcune culture in tutto il mondo, anche oggi, ma erano molto più diffusi nel mondo antico. Nell’antica Mesopotamia, il matrimonio era più un affare. Gli scritti di Erodoto raffigurano un’asta nuziale: le adolescenti venivano vendute al ai babilonesi maschi.

Non sorprende che le ragazze antiche avessero poca voce in capitolo. Ti ribellavi al fidanzamento? Pagavi sanzioni e incentivi scritti nei contratti matrimoniali. Nel mondo antico, la vita adulta iniziava presto, specialmente se eri una ragazza.




GLI ADOLESCENTI SI UNIVANO ALL’ESERCITO IN TEMPI ANTICHI
Le ragazze organizzavano matrimoni e aste nuziali, i ragazzi erano al servizio militare. L’esercito romano è stato uno degli eserciti più feroci e disciplinati della storia umana. Non sorprende che molti giovani volevano unirsi. Tutti tranne i ranghi sociali più bassi dell’Impero furono in grado di arruolarsi.

La maggior parte delle reclute dell’esercito romano aveva dai 18 ai 20 anni. I giovani soldati romani aspettavano di ricevere una paga decente. Negli ultimi anni dell’Impero godevano di basi lussuose. Le circoncisioni praticate sui giovani cadetti.







GLI ADOLESCENTI ANTICHI ERANO A RISCHIO DI SACRIFICIO DI SANGUE
Il sacrificio di sangue degli esseri umani è esistito in una forma o nell’altra, in tutto il mondo, sin dalla preistoria. Bambini e adolescenti erano cibo comune per l’altare. A Ghezer, Israele, scheletri bruciati di bambini di 6 anni e i crani di due adolescenti, segati in due.
ALCUNI DI LORO NON ARRIVARONO ​​ALL’ADOLESCENZA
L’aspettativa di vita era di 30-40 anni nell’antico Egitto. Il travaglio uccideva una donna su dieci. Molti non avevano nome finché non diventavano più grandi. La causa di ciò era l’alta mortalità infantile.




Molte sono le tombe dell’Antico Egitto contrassegnate solo con “L’Osiride”. Era una forma di rispetto al dio degli inferi, per i bambini che non sono mai diventati adolescenti.

La vita degli antichi adolescenti

Soroc ti consiglia altre curiosità.




Il Principe viziato.

Morti Bizzarre: La morte di Brandon Lee

La scimmia che condannò un Re.




Il romano avido.

wikipedia

























https://www.sorox.org/erbe-e-piante-medicinali-principi-attivi-e-antiche-ricette/