I 7 TEMPLI MEGALITICI DI MALTA

I templi megalitici di Malta (Ġgantija, Hagar Qim, Mnajdra, Skorba, Ta 'Hagrat e Tarxien) sono edifici monumentali preistorici costruiti durante il IV ° millennio aC e il III ° millennio aC. tra i primi edifici in pietra in tutto il mondo..

87
I 7 TEMPLI MEGALITICI DI MALTA
I 7 TEMPLI MEGALITICI DI MALTA

I 7 TEMPLI MEGALITICI DI MALTA. In ogni monumento l’articolazione e la tecnica di costruzione cambiano. In genere sono avvicinati da un piazzale ellittico di fronte a una facciata concava. La facciata e le pareti interne sono costituite da lastre di pietra verticali, conosciuti come ortostati, sormontati da blocchi orizzontali. I sopravvissuti corsi in muratura orizzontali indicano che i monumenti hanno avuto tetti aggettanti, probabilmente ricoperti da travi orizzontali.

Questo metodo di costruzione era una soluzione estremamente sofisticata per il suo tempo. Le pareti esterne sono di solito costruiti in blocchi più grandi definiti alternativamente affrontare fuori e fuori bordo, legando il muro saldamente nel resto dell’edificio.




 Lo spazio tra la parete esterna e le pareti delle camere interne è riempito con pietre e terra, vincolante l’intera struttura. Tipicamente, l’ingresso dell’edificio si trova nel centro della facciata, che conduce attraverso un passaggio monumentale su una corte pavimentata.

Gli interni degli edifici sono formate delle camere semicircolari solito denominato absidi, simmetricamente disposte su entrambi i lati dell’asse principale.

Il numero di absidi varia da un edificio all’altro.




Alcuni hanno tre absidi di apertura fuori dal campo centrale, mentre altri sono campi successivi con quattro, cinque, e in un caso anche sei absidi.




I costruttori del tempio di pietra utilizzati localmente disponibile di cui avevano una conoscenza approfondita.

Hanno usato calcare corallino difficile per le pareti esterne e il calcare globigerina più morbida per gli interni più riparate ed elementi decorativi. Caratteristiche decorate trovati all’interno degli edifici testimoniano un alto livello di artigianalità.




Questi elementi sono costituiti principalmente da pannelli decorati con fori e pannelli a bassorilievo raffiguranti motivi a spirale, alberi, piante e animali vari. La forma e la disposizione di questi edifici, nonché manufatti trovati al loro interno, suggeriscono erano un focus importante rituale di una società altamente organizzata.

Essendo tra i notevoli templi megalitici di dell’arcipelago maltese, l’ensemble preistorico di Ggantija sull’isola di Gozo può essere favorevolmente confrontato con i tre grandi templi dell’isola di Malta: Mnajdra, Hagar Qim e Tarxien.




All’interno di un muro di cinta completamente conservato, Ġgantija costituito da due templi del piano multi-foglio. Il tempio del sud, con le sue due celle ellittica, è il più antico; il tempio del Nord, che è di piccole dimensioni, è più recente, anche se non più tardi 2200 aC.

Con i suoi due templi risalenti tra il 3600 e il 3200 aC è uno dei più importanti siti archeologici del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO delle isole maltesi. il sito sembra esser stato abitato da giganti, è costruito in blocchi grezzi di calcare corallino.

Alcuni dei megaliti superano i cinque metri di lunghezza pesando più di cinquanta tonnellate. Sono state scoperte presenze di focolari in pietra e resti di ossa di animali che si crede siano serviti per una sorta di rituale con sacrificio animale




IL TEMPIO DI HAGAR QIM E Ta ‘Hagrat 














l tempio di Hagar Qim, sorge su una collina che domina il mare e l’isolotto di Fifla ed a soli 500 metri dal sito del tempio Mnajdra, trovato sopra le scogliere del sud tra il 3600-3200 aC.




Lungo la parete esternaci sono alcune delle più grandi megaliti mai utilizzate per la costruzione. L’edificio è costituito da una serie di camere a forma di C. Passeggiando per l’ingresso principale, si trova uno spazio centrale pavimentato con abside su ogni lato.

Questi absidi sono più fermamente proiettati fuori del solito in altri templi con pareti e lastre con oblò a forma quadrata tagliano come porte. Attraverso il passaggio interno si trova un’abside a destra e un ampio spazio sulla sinistra.

L’abside a destra ha una posizione curiosa di basse lastre di pietra che formano un recinto interno. Nella parte posteriore di questo abside è un piccolo foro ellittico. I raggi del sole che sorge il primo giorno del Solstizio d’Estate, passano attraverso questo buco e illuminano una delle lastre a basso.




TEMPIO DI SKORBA




Il sito di Skorba domina la vicina valle e offre una vista spettacolare, scavato da David Trump nei primi anni del 1960. Questo sito archeologico comprende i resti di due strutture templari megalitiche, una delle quali risale a partire dalla prima fase della costruzione megalitica – il Ġgantij. L’altro è stato costruito in una fase successiva nella preistoria, il Tarxien hase. Ci sono anche i resti di numerosi rifugi domestici, che i costruttori di templi preistorici utilizzavano come abitazioni.

Alcune strutture risalgono davanti al Tempio periodo (cioè prima 3600 aC). Sono tra le strutture più antiche costruite sulle isole maltesi. Studi scientifici su queste strutture hanno fornito prove cruciali sulle risorse di sostegno vitale che erano disponibili al momento. Hanno gettato luce sulle abitudini alimentari degli uomini preistorici.




Il valore archeologicodel sito e il suo contributo , sono riconosciuti dall’UNESCO dal 1992, quando è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco insieme ad altri cinque templi sulle isole.

Il più grande dei due edifici risale fin dalle prime fasi di costruzione megalitica, Ġgantija (3600 – 3200 aC).

Questo sito ha portone monumentale e facciata che danno luogo a due dei caratteristiche mozzafiato. Altre caratteristiche includono una panca, che corre lungo la lunghezza della facciata. Un cortile, che misura circa 2.5m da 4.5m, circondato da un cordolo di pietra rialzata. Questo spazio, accessibile attraverso il corridoio d’ingresso del tempio, fornisce l’accesso a tre camere attraverso le porte megalitiche.




La porta principale di questa struttura è stata ripristinata nel 1937 con la sostituzione dell’architrave porta nella sua posizione originale.

La struttura più piccola, costruita su un piano 4-abside, è legata a quella precedente attraverso una porta nella stanza orientale. La datazione di questo edificio è ancora anche se i ritrovamenti indicano una fase di Saflieni (3.300 – 3.000 aC) data.

TEMPIO DI TARXIEN




Il sito Tarxien Templi è costituito da un complesso di quattro strutture megalitiche costruite tra il 3600 e il 2500 aC e ri-utilizzato tra 2400 e 1500 aC. Scoperto nel 1913 da agricoltori locali. La prima si trova alla fine più orientale del sito e costruito tra 3600 e 3200 aC, Il Tempio del Sud.

È il più decorato delle costruzioni megalitiche con la scultura in rilievo e la parte inferiore di una statua colossale di una figura gonna. Il Tempio Oriente, con le sue pareti tagliate e i buchi ‘oracolo “, sono stati costruiti tra il 3150 e 2500 aC. Il tempio centrale è stato costruito con il suo unico piano in sei abside e contiene la prova di copertura ad arco.

I blocchi sono decorati con rilievi di animali domestici e spirali, la statua colossale e una serie di altari, uno dei quali conteneva un coltello di selce e ossa di animali.




I 7 TEMPLI MEGALITICI DI MALTA
I 7 TEMPLI MEGALITICI DI MALTA
I 7 TEMPLI MEGALITICI DI MALTA
I 7 TEMPLI MEGALITICI DI MALTA

Tarxien ha anche contribuito allo studio della costruzione di queste strutture megalitiche con la scoperta di sfere di pietra, che sono state interpretate come rulli di pietra, utilizzati come coadiuvanti per il trasporto dei megaliti.





Resti di cremazione trovati al centro del tempio del Sud indicano che il sito è stato riutilizzato come una cremazione del cimitero del Bronzo, tra il 2400 e il 1500 aC.

L’Armonia delle Sfere



















Erbe e Piante Medicinali: Principi attivi e antiche ricette