Marina Abramović: le accuse di satanismo

151
Marina Abramović
Marina Abramović

In una delle controversie artistiche più strane della memoria recente, un gruppo di utenti di Internet e blog hanno iniziato a prendere di mira Marina Abramović, accusandola di essere coinvolta in una setta satanista.

In precedenza ha negato le accuse, ma le accuse hanno continuato a essere mosse contro di lei e Microsoft ha cancellato un annuncio su YouTube per un suo nuovo lavoro dopo che gli utenti lo avevano preso di mira.




 Ma da dove sono venute le affermazioni in primo luogo? 

Allora, Marina Abramović è davvero una satanista?

Non secondo l’artista stessa. Nel 2016, quando sono arrivate le accuse per la prima volta, ha detto ad ARTnews: “Chiunque voglia può leggere le mie memorie e scoprire che [il mio lavoro] è lontano dal satanismo… Il mio lavoro è davvero più sulla spiritualità e nient’altro. Faccio il mio lavoro da così tanto tempo, e questo è un malinteso”.

Spiritualità in che senso?

La pratica di Abramović ha occasionalmente comportato il tentativo di entrare in comunione con un mondo al di là di questo. “Andare alla ricerca dell’ignoto, questa è la cosa più stimolante per un artista”, ha detto una volta in un documentario del 2016 chiamato The Space in Between. In quel film, afferma di aver provato l’ayahuasca in Brasile nella speranza di ottenere una sorta di illuminazione.




Una performance del 1987 chiamata Spirit Cooking, per la quale Abramović ha scarabocchiato frasi usando il sangue di maiale ha scatenato queste ipotesi. Ha anche pubblicato un libro di ricette che, come parte del processo di preparazione dei piatti, ha incaricato i lettori di commettere atti violenti.

(James Westcott, il biografo di Abramović, ha affermato in precedenza che compiere quegli atti sarebbe un grave fraintendimento delle intenzioni dell’artista.) Spirit Cooking è un’opera relativamente oscura all’interno dell’opera di Abramović, tuttavia.

Leggi anche: RISTORANTI CANNIBALI: ESISTONO DAVVERO!

È meglio conosciuta per le performance durature, molte delle quali realizzate con il compianto artista Ulay negli anni ’70 e ’80, che comportano il mantenimento di pose fisicamente rigorose per lunghi periodi di tempo. Alcuni sono stati riprodotti per una retrospettiva del Museo d’Arte Moderna del 2010 e la documentazione delle opere è apparsa di recente in una retrospettiva ad alto budget al Museo d’Arte Contemporanea di Belgrado.

Che ci crediate o no, come parte di una controversia nell’arena politica americana. Nel 2016, Wikileaks ha pubblicato una tranche di e-mail dall’account hackerato di John Podesta, che era il presidente della campagna di Hillary Clinton come candidato democratico alla presidenza degli Stati Uniti. Tra le email trapelate c’era un messaggio in cui il fratello di John, un collezionista d’arte di nome Tony, lo invitava a partecipare a una rievocazione di Spirit Cooking .

Il blog Infowars ha pubblicato un articolo su Abramović dopo che Microsoft ha caricato un nuovo annuncio pubblicitario con lei. Caricato su YouTube il 10 aprile, il video era una pubblicità per il prodotto HoloLens 2 dell’azienda tecnologica, che consente agli utenti di vedere pezzi di realtà mista.




Il prodotto assomiglia a un auricolare, ma a differenza della realtà virtuale, l’ambiente esterno di uno spettatore può ancora essere intravisto mentre lo indossa.




Il nuovo pezzo di Abramović è The Life, che ha debuttato nel 2019 alle Serpentine Galleries di Londra e presenta l’artista che cammina con lo stesso vestito che indossava per il suo famoso pezzo The Artist Is Present.

L’annuncio, un video di due minuti con interviste sul lavoro, è stato eliminato dopo aver ricevuto 24.000 “non mi piace”. Un collegamento su Google a una pagina web per il progetto sul sito di Microsoft ora reindirizza a informazioni sulle iniziative artistiche dell’azienda.

Abramović non ha risposto a più richieste di commento ieri e Microsoft ha rifiutato di commentare. Tuttavia, puoi vedere tu stesso la documentazione di Spirit Cooking su YouTube.

Leggi anche: Come dal cannibalismo nacque la fiaba di Hansel e Gretel